Realizzazione di membrana di impermeabilizzazione in copertura

Nell’ultimo mese che ha chiuso la primavera 2017, abbiamo realizzato una membrana di impermeabilizzazione in copertura per F.A.R.G., un’importante azienda di Invorio nella provincia di Novara che produce componenti per il settore dell’idraulica.

Il tetto industriale dell’azienda è caratterizzato da ampie campate in calcestruzzo armato precompresso con sezione a V sulle quali sono installati da tempo dei pannelli solari fotovoltaici. I pannelli sono fissati agli elementi portanti in calcestruzzo con una serie di tasselli che ovviamente hanno danneggiato la precedente impermeabilizzazione. Altro elemento critico della copertura, che sicuramente può aver concorso alle abbondanti infiltrazioni d’acqua che si sono verificate prima del nostro intervento, sono i canali di raccolta delle acque piovane che convogliano i flussi provenienti dall’acqua caduta dagli elementi strutturali e li portano verso i pluviali verticali: questi canali erano in alcuni casi sagomanti da precedenti lavorazioni atte a cercare di limitare le infiltrazioni in vista di eseguire un intervento di impermeabilizzazione professionale completo per tutta la copertura che fa da tetto all’azienda di Invorio. Gli elementi strutturali sono posati ad una distanza di circa 30 cm che è coperta sul tetto tramite dei pannelli traslucenti concavi in PVC che consentono di riportare la luce solare, leggermente smorzata, negli ambienti sottostanti garantendo al contempo l’impermeabilità del particolare costruttivo. Anche questi elementi sono fissati con i tasselli agli elementi portanti, ma difficilmente possono essere stati direttamente causa di infiltrazioni d’acqua poiché collocati su punti relativamente alti da cui l’acqua ha modo di scivolare via facilmente.

L’intenzione del committente era quella di realizzare un’impermeabilizzazione del tetto della propria azienda senza dover ricorrere allo smantellamento dell’impianto fotovoltaico e senza dover smaltire altre membrane e pezze precedentemente messe. Fortunatamente gli impianti fotovoltaici installati in copertura non erano radenti al tetto ma erano inclinati a 45° e orientati a sud. Questa caratteristica, oltre ovviamente a consentire una migliore esposizione dei pannelli, è stata utile a noi di Pavibeton per poter operare tranquillamento sotto i pannelli senza doverne smontare nessuno, rivestendo accuratamente ogni singolo piedistallo.

Particolare attenzione è stata rivolta alle canaline di scarico poiché erano realizzate in lamiere sovrapposte ed era assolutamente facile rischiare di non trattare correttamente qualche settore, facendo sì che quindi un’area soggetta ad allagamento in momenti di pioggia potesse subire infiltrazioni consistenti. In alcuni casi abbiamo sormontato precedenti lavorazioni eseguite con lattonerie con il nostro sistema di impermeabilizzazione, realizzando dei casseri, in modo che la membrana impermeabilizzante in resina liquida si potesse adattare perfettamente alla sagoma del canale di scarico. Alla fine, i canali sono risultati completamente impermeabilizzati!

Il trattamento dei lucernai di circa 30 cm che fanno da copertura anti pioggia tra un elemento strutturale e l’altro costituivano, nell’insieme, diversi metri di dettagli da rivestire. La nostra squadra di applicazione ha quindi preventivamente effettuato lo smontaggio di questi lucernai, posizionando l’impermeabilizzazione in resina liquida rinforzata in modo che questa arrivasse puntualmente in corrispondenza della caduta dell’elemento struttura, così che quando il lucernaio in PVC veniva ricollocato, questo sovrastasse il particolare rivestito in resina in modo che all’acqua non fosse consentito di entrare.

Visto il contesto e considerata la richiesta del committente, noi di Pavibeton abbiamo scelto una soluzione impermeabilizzante in resina liquida a base poliestere rinforzata con tessuto di cui abbiamo ampia esperienza d’uso e con cui abbiamo fatto molti lavori di successo. La scelta della resina poliestere Kemperol V210 di Kemper System è dettata dal fatto che si tratta di una soluzione e di un prodotto testati da decenni e di provata affidabilità per trattamenti impermeabilizzanti dei tetti delle coperture industriali, consentendo di formare una soluzione idrorepellente continua, simile ad una pelle, che è in grado di impermeabilizzare il tetto delle coperture industriali richiedendo esclusivamente interventi di manutenzione occasionali e di bassissimo impatto. Il prodotto stesso, seppur più economico dei suoi “cugini” a base di polimetil metacrilato (PMMA), ci permette di realizzare soluzioni durature che mantengono l’impermeabilità in tutte le condizioni atmosferiche, con range di temperatura da -30°C fino a +90°C che restano stabili ed elastiche anche se esposte direttamente all’azione del raggi solari: pertanto l’impermeabilizzazione in resina poliestere dotata di tessuto di rinforzo, è da sempre la migliore soluzione in resina per il trattamento delle infiltrazioni su tetti e coperture piane.

L’impegno di personale da parte nostra per l’impermeabilizzazione del tetto di F.A.R.G. ha richiesto non più di 3 persone e un’attrezzatura decisamente semplice da trasportare e da movimentare.

L’intervento è stato immediatamente testato da un acquazzone tipico della stagione estiva e primaverile che è sopraggiunto nei giorni seguenti al completamento dei lavori! Questo non ha fatto altro che testare la qualità del sistema che abbiamo installato e la qualità dell’operato dei tecnici Pavibeton che non ha mancato di attenzione in nessuno dei numerosi dettagli che erano presenti sulla copertura.

Il titolare dell’azienda F.A.R.G. è rimasto piacevolmente impressionato del nostro operato e ha deciso, visto che Pavibeton ha ampie competenze anche nella posa in opera dei pavimenti in resina per applicazioni industriali, di affidarci anche la realizzazione del rivestimento industriale dello stabilimento.

 

Nell’ultimo mese che ha chiuso la primavera 2017, abbiamo realizzato una membrana di impermeabilizzazione in copertura per F.A.R.G., un’importante azienda di Invorio nella provincia di Novara che produce componenti per il settore dell’idraulica.

Il tetto industriale dell’azienda è caratterizzato da ampie campate in calcestruzzo armato precompresso con sezione a V sulle quali sono installati da tempo dei pannelli solari fotovoltaici. I pannelli sono fissati agli elementi portanti in calcestruzzo con una serie di tasselli che ovviamente hanno danneggiato la precedente impermeabilizzazione. Altro elemento critico della copertura, che sicuramente può aver concorso alle abbondanti infiltrazioni d’acqua che si sono verificate prima del nostro intervento, sono i canali di raccolta delle acque piovane che convogliano i flussi provenienti dall’acqua caduta dagli elementi strutturali e li portano verso i pluviali verticali: questi canali erano in alcuni casi sagomanti da precedenti lavorazioni atte a cercare di limitare le infiltrazioni in vista di eseguire un intervento di impermeabilizzazione professionale completo per tutta la copertura che fa da tetto all’azienda di Invorio. Gli elementi strutturali sono posati ad una distanza di circa 30 cm che è coperta sul tetto tramite dei pannelli traslucenti concavi in PVC che consentono di riportare la luce solare, leggermente smorzata, negli ambienti sottostanti garantendo al contempo l’impermeabilità del particolare costruttivo. Anche questi elementi sono fissati con i tasselli agli elementi portanti, ma difficilmente possono essere stati direttamente causa di infiltrazioni d’acqua poiché collocati su punti relativamente alti da cui l’acqua ha modo di scivolare via facilmente.

L’intenzione del committente era quella di realizzare un’impermeabilizzazione del tetto della propria azienda senza dover ricorrere allo smantellamento dell’impianto fotovoltaico e senza dover smaltire altre membrane e pezze precedentemente messe. Fortunatamente gli impianti fotovoltaici installati in copertura non erano radenti al tetto ma erano inclinati a 45° e orientati a sud. Questa caratteristica, oltre ovviamente a consentire una migliore esposizione dei pannelli, è stata utile a noi di Pavibeton per poter operare tranquillamento sotto i pannelli senza doverne smontare nessuno, rivestendo accuratamente ogni singolo piedistallo.

Particolare attenzione è stata rivolta alle canaline di scarico poiché erano realizzate in lamiere sovrapposte ed era assolutamente facile rischiare di non trattare correttamente qualche settore, facendo sì che quindi un’area soggetta ad allagamento in momenti di pioggia potesse subire infiltrazioni consistenti. In alcuni casi abbiamo sormontato precedenti lavorazioni eseguite con lattonerie con il nostro sistema di impermeabilizzazione, realizzando dei casseri, in modo che la membrana impermeabilizzante in resina liquida si potesse adattare perfettamente alla sagoma del canale di scarico. Alla fine, i canali sono risultati completamente impermeabilizzati!

Il trattamento dei lucernai di circa 30 cm che fanno da copertura anti pioggia tra un elemento strutturale e l’altro costituivano, nell’insieme, diversi metri di dettagli da rivestire. La nostra squadra di applicazione ha quindi preventivamente effettuato lo smontaggio di questi lucernai, posizionando l’impermeabilizzazione in resina liquida rinforzata in modo che questa arrivasse puntualmente in corrispondenza della caduta dell’elemento struttura, così che quando il lucernaio in PVC veniva ricollocato, questo sovrastasse il particolare rivestito in resina in modo che all’acqua non fosse consentito di entrare.

Visto il contesto e considerata la richiesta del committente, noi di Pavibeton abbiamo scelto una soluzione impermeabilizzante in resina liquida a base poliestere rinforzata con tessuto di cui abbiamo ampia esperienza d’uso e con cui abbiamo fatto molti lavori di successo. La scelta della resina poliestere Kemperol V210 di Kemper System è dettata dal fatto che si tratta di una soluzione e di un prodotto testati da decenni e di provata affidabilità per trattamenti impermeabilizzanti dei tetti delle coperture industriali, consentendo di formare una soluzione idrorepellente continua, simile ad una pelle, che è in grado di impermeabilizzare il tetto delle coperture industriali richiedendo esclusivamente interventi di manutenzione occasionali e di bassissimo impatto. Il prodotto stesso, seppur più economico dei suoi “cugini” a base di polimetil metacrilato (PMMA), ci permette di realizzare soluzioni durature che mantengono l’impermeabilità in tutte le condizioni atmosferiche, con range di temperatura da -30°C fino a +90°C che restano stabili ed elastiche anche se esposte direttamente all’azione del raggi solari: pertanto l’impermeabilizzazione in resina poliestere dotata di tessuto di rinforzo, è da sempre la migliore soluzione in resina per il trattamento delle infiltrazioni su tetti e coperture piane.

L’impegno di personale da parte nostra per l’impermeabilizzazione del tetto di F.A.R.G. ha richiesto non più di 3 persone e un’attrezzatura decisamente semplice da trasportare e da movimentare.

L’intervento è stato immediatamente testato da un acquazzone tipico della stagione estiva e primaverile che è sopraggiunto nei giorni seguenti al completamento dei lavori! Questo non ha fatto altro che testare la qualità del sistema che abbiamo installato e la qualità dell’operato dei tecnici Pavibeton che non ha mancato di attenzione in nessuno dei numerosi dettagli che erano presenti sulla copertura.

Il titolare dell’azienda F.A.R.G. è rimasto piacevolmente impressionato del nostro operato e ha deciso, visto che Pavibeton ha ampie competenze anche nella posa in opera dei pavimenti in resina per applicazioni industriali, di affidarci anche la realizzazione del rivestimento industriale dello stabilimento.

Progetti recenti

Richiedi preventivo

 

 

ULTIME REALIZZAZIONI

Rivestimento in resina per azienda produttrice di pane gratuggiato
Pavimento in calcestruzzo di piazzale carrabile
Impermeabilizzazione Di Copertura Piana Industriale
Impermeabilizzazione di una terrazza a pozzo a Buccinasco (MI)
Impermeabilizzazione di una tettoia di box a Milano

Logo Pavibeton pavimenti industriali milano

© 2019 Pavibeton Srl - Partita IVA/C.F.: 12767870152
Via Cav. Angelo Manzoni, 35 - S. Angelo Lodigiano (LO) - Tel: 0371.216078 - info@pavibeton.net
Cassa Edile di Milano C.I. 14377 - REA: LO - 1451913 - pavibetonsrl@legalmail.it - Sitemap - Privacy Policy Project by ideaBIT web agency